giovedì 28 marzo 2013

In uscita il secondo disco dei Redrum Alone


REDRUM ALONE
Presentano
“DE REDRUM REMIXES”

UFO SOLAR/FARO RECORDS

Dal 12 Aprile in download gratuito su

ASCOLTA IN ANTEPRIMA IL SINGOLO E ALTRI DUE BRANI TRATTI DALL’ALBUM

              
Il secondo disco marchiato Redrum Alone uscirà il prossimo 12 Aprile sotto etichetta Ufo Solar/Faro Records, ed in digital download con la collaborazione di Believe Digital.

Da sottolineare il prezioso sostegno di Puglia Sounds per l’innovativo progetto di promozione che accompagnerà tutta la release del disco, e che partirà inizialmente con  la diffusione di diverse copie omaggio scaricabili tramite l’app “pay with a tweet”, inserita all’interno del portale della band: www.redrumalone.com

Il Cd “DE REDRUM REMIXES” è promosso con il sostegno di PUGLIA SOUNDS - PO FESR PUGLIA 2007/2013 ASSE IV – INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO.

Dal Vivo Volume Due, il nuovo album di Cisco.



Un doppio cd,
19 canzoni per 90 minuti di musica
nella scaletta anche due gustosi inediti da ascoltare a tutto volume
e alcuni classici dei Modena City Ramblers
Cisco
Presenta
Dal Vivo Volume Due
ordinabile dalla metà di aprile attraverso il sito www.ciscovox.it
e su tutte le piattaforme digitali download,
oltre a essere presente ai concerti di Cisco.

Vai in home page e ascolta “La rivoluzione” uno dei brani inediti del disco

venerdì 22 marzo 2013

Ecco il video di Lotteria dei Muleta


Muleta
Presentano il video di “Lotteria”
Tratto dall’album: La peste
Etichette: Matteite  / Muleta Dischi
Distribuzione: Audioglobe


Guarda qui il video


Dopo l'EP La nausea, catturato e prodotto da Giorgio Canali e uscito per Psicolabel, i Muleta portano alla luce La peste. L’album è stato registrato a Corlo (FE) all'NHQ studio da Manu "Max Stirner" Fusaroli, che ne ha curato anche la produzione artistica, tra le 16.00 del 20 ottobre e le 19.30 del 24 ottobre 2012.
Il disco esce per Matteite / Muleta Dischi ed è distribuito in Italia da Audioglobe.

La peste è un disco d'amore, morto dove le grida di allegria sono costantemente minacciate dalla malattia, che latente e paziente attende la sua rivincita.
Ogni canzone è la rappresentazione di una persona reale, ciascuna con le proprie gioie, aspettative e tragedie.
Una peste personalizzata: dieci canzoni, dieci storie.

La peste non muore e non scompare mai. Rimane in attesa di essere diffusa, sventura e insegnamento per gli uomini, attraverso i suoi topi, mandandoli a morire in una città felice (cit. La peste di Albert Camus).
Così Muleta risveglia la sua peste personale portandola di città in città.
Chiudete porte e finestre.

Muleta sono:
Giulio, batteria
Ed, chitarre elettriche
T, voce e chitarre acustiche

Grazie all’acustica/distorta + e-bow, suonata da Marco TestadiFuoco Greco, in Il Giorno in Cui; e a Matteo Dainese aka Il Cane, presenza costante durante le prese.

Link:

I M’Ors presentano il loro album


M’ORS
Presenta

M’Ors
Calacas Records/Infecta Suoni



ascolta qui alcuni brani dell’album in anteprima

Contrasti  di situazioni, sfondi sociali e colori, dove il bianco ed il nero si fondono creando una nuova vita; la vita del futuro fatta di nuove sfumature, nuove idee e nuove prospettive.
Gli orizzonti culturali si ampliano dando la possibilità di migrare al contrario, verso paesi poveri, semplici ed ospitali, dove potersi perdere tra atolli, sabbie sconosciute e mari cristallini.
Un refrigerio catartico che sa di libertà, intesa non solo come la partecipativa Gaberiana, ma che espande la coscienza e la avvicina a nuove culture, scavalcando pregiudizi e stereotipi come cose vecchie e sepolte, grazie al potere dell'amore che risveglia dal torpore della paura e dell'ignoranza, come un raggio di sole.
Amore ed esotismo si intrecciano lasciando qualche spazio ad affreschi di vita contemporanea, che prendono forma nelle difficoltà di vivere delle giovani coppie, nella voglia di libertà, anarchia e di astronavi rock che, invocate dai bambini, vengono a sistemare i grandi prepotenti della terra. 
La nebbia dell'Emilia, il sole caldo di Roma e le atmosfere suggestive dell'Africa, in particolare dell'Eritrea col suo splendido mare, sono il contenitore da cui M'ors attinge le sue idee, il suo spirito ed il suo amore.
Il disco è stato mixato da Manuele “Max Stirner” Fusaroli (già al lavoro con Le Luci della centrale elettrica, Tre Allegri Ragazzi Morti, Zen Circus e altri).

giovedì 21 marzo 2013

I Valium presentano Revolution




VALIUM
Presentano
Revolution
Etichetta; CPSR Produzioni www.cpsr.it
Distribuzione Andromeda  http://www.andromedarocks.com/
Data di uscita; 10 APRILE
File under beat / indie rock

Guarda il trailer per l’uscita dell’album
Preview del disco



A due anni di distanza da “La Maledizione sta per Arrivare”, i Valium tornano in scena con il secondo album ufficiale “Revolution” (edito da CPRS produzioni), una rivoluzione completa del loro modo di fare musica.
Tenetevi quindi lontani dai piani utopistici e dai contestatori di mestiere, la rivoluzione dei Valium è spirituale, anarchica e profondamente reale. Nessun progetto di conquista del mondo o lezioni di vita nonostante il secondo disco ufficiale e dieci anni di carriera insieme, piuttosto il golpe degli emarginati e dei poeti dagli occhi luccicanti, quelli veri.
I Valium non sono interessati ai bilanci, ma all’espressione, dalla spiritualità sixties alla potenza degli anni ’90 fino al 2013, l’anno che non doveva esserci e che forse non esiste.
Il Ritorno all’indipendenza dove il disco è stato registrato nella calda estate 2012, volutamente in presa diretta per dare quel suono ruvido rock degli 90 .
Ritorno all'adolescenza, al luccicore dei sogni di gloria così in bilico tra onnipotenza e realtà. Il luogo definitivo di ogni outsider.

martedì 19 marzo 2013

Il 19 e il 20 aprile la terza edizione di Psychosonic


Associazione lo.fi and The 60s Prod.
Presentano

PSYCHOSONIC 2013 – III edition
Nel cast il mitico TAV FALCO con The Panther Burns

Guarda qui il teaser di presentazione

Venerdì 19 aprile
Sabato 20 aprile - ARCI LO.FI Milano
Venerdì ingresso sempre con tessera Arci + sottoscrizione di 7 euro
Sabato Ingresso con tessera Arci + sottoscrizione di 10 euro
Abbonamento a 2 giorni 15 euro
Arci lo.fi - Via dei Pestagalli 27 Milano zona Rogoredo MM3

Terza edizione per il festival Psychosonic, ed è ancora, come sempre, una maratona di musiche tra il garage, il punk blues e il rockabilly.
A fare da traino a questa due giorni di rock “altro” un nome che è una pietra miliare nella storia della musica americana, e in particolare di Memphis, Tennessee, Tav Falco, con i suoi Panther Burns. Rockabilly, garage rock, punk blues e altro ancora. Questa la formula vincente di Tav Falco, grazie alla quale, dagli anni 80 a oggi, è diventato una leggenda vivente.
Leggi qui su Tav Falco: http://www.lunatik-ftp.it/dati/PDF/tav_falco.pdf
Tav Falco sarà sul palco del Lo.Fi a chiudere il festival il 20 aprile.
Il giorno prima spetta agli americani Toys That Kill scaldare gli animi, insieme a due band italiane (Labradors e Radio Days).
Programma
VENERDI’ 19 APRILE dalle ore 22.00
TOYS THAT KILL - Punkpop from San Pedro USA
RADIO DAYS – PowerPop
LABRADORS - PowerPop

SABATO 20 APRILE dalle ore 22.00
TAV FALCO and the Panther Burns from Memphis USA
MIDNIGHT KINGS - Party Band
DJ set Paolo Paris from Born Losers Festival

All’interno del LO.FI…. drinks food and vintage shop


venerdì 15 marzo 2013

Gli RFC presentano il video di Salvati


RFC
Presentano
Il nuovo video
Salvati
Tratto dall’album "Ritieniti Fortemente coinvolto"
Etichetta La canzonetta/sintesi 3000
Dal 14 gennaio su digital stores
ed in tutti i migliori negozi distribuzione SELF SPA
guarda qui il video



“Nonostante sia ancora deluso.. io non scappo, non mi rifugio, lotto e lotterò ogni giorno.. fino a Salvarmi….fino a Salvarti!!” Un’esortazione alla libertà e allo stesso tempo alla salvezza dell’animo quella pronunciata dagli RFC in “Salvati”, il secondo singolo estratto dall’ultimo album Ritieniti Fortemente Coinvolto. Dopo il successo riscosso con l’ultimo video “A new message to you Rudy”, la band casertana si avvale ancora una volta della preziosissima ‘mano’  del giovane regista e fotografo sammaritano Alfredo Buonanno. Il suo intuito porta nuovamente il gruppo al centro di un accattivante e interessante racconto, fatto di immagini e suoni. Salvati, come il resto dell’album, esprime al meglio la grande maturità che gli RFC hanno raggiunto in questi 13 anni di carriera, ma soprattutto esprime al meglio la voglia di esserci, di non mollare mai. La stessa voglia che da sempre accomuna i componenti della band , Antonio “Bicciariello” alla batteria, Enrico alla tromba, Antonio “Bimbogigi” al basso, Domenico al sax, come ha spiegato anche la voce (e chitarra) del gruppo Maurizio Affuso…

LEGGI QUI L’INTERVISTA A MAURIZIO SUL VIDEO

In uscita il nuovo album dei Fetish Calaveras



Esce il 25 marzo 2013 “AVASPETTACOLO”, il nuovo album della FETISH CALAVERAS
swing a billy band  da Genova
“AVASPETTACOLO” sarà disponibile su più di 80 digital stores (iTunes, Amazon, EMusic, ecc.)
distribuito in 240 paesi nel mondo

FETISH CALAVERAS

presentano

“AVANSPETTACOLO”

Etichetta; Atomic Studio
Data di uscita; 25 marzo


GUARDA IL VIDEO


ASCOLTA QUI ALCUNI BRANI DEL DISCO

Avanspettacolo è una lampadina ad incandescenza...
Avanspettacolo è un libro di fumetti rilegato in cuoio...
Avanspettacolo è il magnesio che brucia sul flash...

La nuova musica swing'a'billy Italiana concentrata in dodici tracce esplosive. Dodici storie legate insieme da un filo conduttore: una giornata qualsiasi di un impiegato qualunque, Manrico Calavassa, per gli amici Manny, alle prese con l'ordinario che si trasforma in straordinario quando dodici personaggi che entrano a forza nella sua vita, danno una scossa alla tranquilla quotidianità.
Il disco può vantare alcune interessanti collaborazioni come la partecipazione in 'Hilmah' della chitarra di Andy Macfarlane (chitarra e voce in Rock'n'roll Kamikazes e Hormonauts), Roberto Dellepiane (musicista di Renato Zero e Fiorella Mannoia e compositore) al piano in 'Billy Boxe' ed Enrico Allavena e Stefano Colosimo (Trombone dei Bluebeaters e Tromba degli Africa Unite).
Lo stile del disco è il risultato di una intima commistione di generi molto vicini tra loro ma caratteristici ed unici per certi aspetti: lo swing, il surf, il rock'n'roll anni '50, il country ed il rock'a billy. Il risultato è quello che i Fetish Calaveras hanno definito Swing'a'billy.
L'intenzione è proprio quella di dare a coloro che ascoltano l'album l'impressione di viaggiare attraverso gli stili musicali dell'epoca in cui si andava a vedere il cabaret o l'avanspettacolo nei teatri, ma rimanendo legati al filo conduttore del sound moderno dei Fetish Calaveras, appunto lo swing'a'billy.
Una crosta superficiale di allegria nasconde in verità una profonda riflessione sui vizi della società di oggi: l'indifferenza o il ripudio per il diverso, l'estremo potere di pochi e l'emarginazione di molti nella quotidianità e nella solitudine, il bisogno di calore umano e la riscoperta del muoversi per cambiare.
Un album da godere.
Questi sono i Fetish Calaveras e questo è Avanspettacolo.

IL DISCO CANZONE PER CANZONE PRESENTATO DALLA BAND

LEGGI QUI LA BIOGRAFIA DELLA BAND



PER INFO E BOOKING
'NGel Promotions
Tour Manager: Michele Olmo
TEl: 3487249305


Roberto Santoro presenta Ninna Noir


ROBERTO SANTORO


Presenta
“Ninna noir”
Tratto dall’album
“SUITE DESERTO”

Guarda qui il video


“Ninna Noir” vuole essere una ninna nanna dolente: in un paesaggio fosco e sinistro, da favola dark, si delineano le minacce simboliche del lupo e del drago. Due figure archetipiche per rappresentare universalmente la violenza fisica e psicologica, ai danni della donna, dei minori:

“(…) Lui prende le tue mani
Lui porta via lontano
Lui quando viene sera vuole stringersi con te
Lui mangia i tuoi capelli
Lui strappa i tuoi vestiti
Lui coi suoi strani amici
Vuole te (…)”
Dalla denuncia il canto volge all’aiuto, al conforto e alla protezione:
“ (…) Ma tu sei la mia bambina e dormi qui con me
Tu sei la mia bambina io non ti abbandonerei mai
Tu sei la mia bambina io veglio su di te”.

Il tentativo di Roberto Santoro con la sua “Ninna Noir” è di toccare un tema delicato quanto urgente nel suo perenne perpetuarsi, con ricercata partecipazione e tanto pudore.
Musicalmente si avverte l’eco delle murder ballads di Nick Cave and the Bad Seeds.

LEGGI QUI IL COMUNICATO SULL’ALBUM



Berserk!, in uscita il 5 aprile



BERSERK
Berserk!
Etichetta; RareNoiseRecords
Distribuzione; Good fellas
data di uscita; 5 aprile
Distribuzione digitale su tutti i canali digitali abituali via IODA (www.iodalliance.com)
Disponibile in vendita diretta (spedizioni da UK verso tutto il mondo) su www.rarenoisestore.com


Berserk! nasce dall’incontro fra il bassista/compositore italiano Lorenzo Feliciati ed il cantante/sperimentatore/polistrumentista/provocatore sonico Lorenzo Esposito Fornasari (anche conosciuto come “LEF”) e fedele a questa premessa sfugge alle facili categorizzazioni e mira ad un risveglio totale dei sensi.

A volte piu’ scuro di un angelo della morte e piu’ pesante di una colonna sonora per l’Apocalisse Berserk! sa cambiare all’improvviso abbandonandosi ad uno swing coinvolgente o ad un lamento profondo o ancora a momenti di onirica sospensione.

E’ Rock d’avanguardia? E’ Jazz d’avanguardia? E’ musica ambient? oppure opera? La musica creata e co-prodotta da Fornasari e Feliciati rifugge dalle classificazioni e si presenta come un baluardo contro i flutti dell’autocompiacimento.

Compagni di viaggio in quest’avventura fanstasmagorica sono il chitarrista norvegese Eivind Aarset, il trombonista italiano Gianluca Petrella,  Sandro Satta, uno dei padri del free italiano, e ancora i pianisti Fabrizio Puglisi e Jamie Saft ed i batteristi Pat Mastelotto, Cristiano Calcagnile e Simone Cavina.

Se uno dovesse veramente trovare dei riferimenti (il se e’ d’obbligo), ci si potrebbe azzardare a dire che in Berserk!  echi di Nino Rota si accompagnano a visioni mutuate dal rock progressivo d’opposizione di stampo Area, passando attraverso prolungati passaggi che evocano il miglior John Zorn o ancora una certa psichedelia di stampo floydiano, memorie  di Brian Eno e del Kilimanjaro Darkjazz Ensemble marchiati dalla voce (o meglio: dalle mille voci) inconfondibile/i di Fornasari  e sostenuti dal basso babelico di Feliciati.

Berserk! e’ la colonna sonora di un viaggio notturno attraverso una citta’ psichedelica.

Il termine “Berserk!” ha connotati forti – perdita del raziocinio, follia, rabbia accecante, esplosione viscerale (I Berserkr erano guerrieri votati ad Odino, vestiti di pelli - unita’ speciali da combattimento dei vichinghi mandate in avanscoperta a terrorizzare ed annichilire il nemico) – ma vuole anche essere un simbolo catartico di un'energia caotica straripante che muta in una musica potente e determinata che la trascende".

giovedì 14 marzo 2013

Stiv presenta il videoclip del suo primo singolo


STIV
Presenta
"Nella mia macchina"

feat. GUE' PEQUENO (CLUB DOGO) & ANTONIO GERARDI


videoclip del primo singolo estratto da STIWIPEDIA
il nuovo album di STIV di prossima uscita


Compra NELLA MIA MACCHINA su iTunes:



STIV parla del nuovo singolo

Lo sapevate che in italia è illegale fare l'amore in macchina?
Anche se lo si fa in luoghi isolati e bui dove si è sicuri di non essere visti da nessuno.
E con la legge attuale si rischiano fino a 3 anni di galera.
In compenso è consentito scopare in diretta televisiva nazionale nella casa del Grande Fratello, avere criminali e delinquenti al governo ed i giornalisti dei TG possono "far notizia" speculando sul dolore altrui: un esempio su tutti, il giornalista che chiede ad un genitore "cosa prova, ora che suo figlio è morto?".
Vabbè… stendiamo un velo peloso.
Comunque, legge o non legge, il 12 marzo esce il mio nuovo singolo intitolato "NELLA MIA MACCHINA" ed accompagnato da un video che vi farà cadere la mascella.
"NELLA MIA MACCHINA" é l'inno di chi fa l'amore in auto e se ne sbatte.
L'inno di chi conosce a memoria tutte le posizioni del CARmasutra.
Ma, soprattutto, "NELLA MIA MACCHINA" é una hit che vi violenterà l'impianto e, come se fosse il vostro dentista, vi lascerà a bocca aperta.
A farmi compagnia ci sono due supereroi: GUE' PEQUENO (un terzo dei CLUB DOGO… che ve lo dico a fare) e ANTONIO GERARDI (una delle voci maschili più profonde e vitali che mi sia capitato di ascoltare negli ultimi tempi).
Il maxi-singolo includerà anche un altro pezzo inedito intitolato "FIERI, OGGI, DOMANI" con la partecipazione di MISSTAKE (tenetela d'occhio e tenetela d'orecchio, la ragazza ha più stoffa di tutti i sarti d'italia).
Piacetevelo!
Ditelo a tutti! (chi non lo fa è Spongebob)
Fosforescentemente vostro, Stiv!

BIOGRAFIA:

STIV (alias STEFANO TIRELLA) é nato a Firenze nel 1977.
Dj / produttore / scrittore / speaker radiofonico / cantante-rapper / musicista.
In passato ha collaborato con il comico ALESSANDRO BERGONZONI. Ospite in programmi radiofonici nazionali (RADIO DEEJAY, ITALIA NETWORK, ROCK FM), i suoi video sono stati trasmessi da MTV ed ALL MUSIC. Il singolo "INCOMPIUTEZZA POST-MODERNA" (dall'album PAROLA DI VONGOLA VOL. 2) è stato trasmesso da ALBERTINO su RADIO DEEJAY. Nei suoi dischi ha suonato gente come STEFANO BOLLANI, PETRA MAGONI, IRENE GRANDI, MARCO COCCI, FASO (ELIO E LE STORIE TESE). Ha remixato artisti del calibro di CASSIUS, PAOLA & CHIARA, PIOTTA, JOVANOTTI, CAESAR PALACE (BOOSTA - SUBSONICA). Nel 2008 esce il suo primo romanzo COME TE ANCHE TUTTE LE ALTRE (CONIGLIO EDITORE). Il video del singolo "CORRIDOI" è in collaborazione con R-ROCCO (la linea d'abbigliamento di ROCCO SIFFREDI - NO NAME STUDIO). Nel 2009 inizia la sua carriera di conduttore televisivo conducendo le trasmissioni musicali B.P.M. e FURIPORTO su RED TV (SKY). Nel maggio 2010 esce il suo sesto album "QUEL TRIANGOLO DELLE MEDUSE" che viene osannato dalla critica inglese ed include collaborazioni da parte di LISA delle LILIES ON MARS (collaboratrici/chitarriste di FRANCO BATTIATO), GIACOMO CASTELLANO (già chitarrista di GIANNA NANNINI, ADRIANO CELENTANO, VASCO ROSSI), MARINA MULOPULOS (ALMAMEGRETTA), REMO REMOTTI, GIANMARIA ACCUSANI (PROZAC + / SICK TAMBURO) e contiene un paio di campionamenti di grande caratura concessi da FRANCO BATTIATO e GLADYS (CASSIUS). Nello stesso anno assembla una band per i live che suoni con lui, la componente live è una entità separata da ciò che è STIV nella fase di registrazione in studio. Il tour promozionale parte dal PROUD CAMDEN SOUTH GALLERY di LONDRA, con oltre 200.000 persone in Piazza S. Giovanni a Roma e tocca anche il GIAPPONE con tre date. Nel gennaio 2012 esce il suo settimo album "E' PIU' FORTE DI ME" include collaborazioni da parte di FASO (ELIO E LE STORIE TESE), PAOLA IEZZI (PAOLA & CHIARA), REMO REMOTTI, RICCARDO ONORI (chitarrista di JOVANOTTI) ed una "comparsa" di ROBERTA SAMMARELLI (VERDENA). Nell'estate 2012 fa da Opening Act per ELIO E LE STORIE TESE (Sherwood Festival - Mestre) e CLUB DOGO (Metarock Festival - Pisa).

disegno copertina : Raffaele (Cava) Cavallaro
etichetta / edizioni : Futurebeat Music LTD
Gué Pequeno appare per gentile concessione di Universal Music Italia SRL
 (foto Stiv, Guè Pequeno, Antonio Gerardi : Andrea Monta)

martedì 12 marzo 2013

Bloom, il nuovo album di Lu-po



Esce Bloom
Il nuovo album di Gianluca Porcu in arte LU-PO
In nomination a Parigi per i Qwartz Music Awards


LU-PO
"Bloom"

Edizioni musicali: AEF (Radio France Internationale)
Distribuzione: On Line (Zimbalam)
Data di uscita: venerdì 5 aprile 2013



ascolta qui alcuni brani

"Bloom", quarto album di Gianluca Porcu, è un album di musica elettronica avvolgente, misterioso, delicato e intenso.
Prodotto e registrato tra Cagliari e Torino "Bloom" mette a frutto una ricerca musicale matura basata sulla elaborazione del suono. Raffinati ed eterei paesaggi sonori e strutture digitali nascono dal legno della chitarra classica, conservandone il calore. Brani come "Break the night", "Guilty guitar", sono interamente prodotti con il suono dello strumento acustico dal quale LU-PO riesce a ottenere atmosfere del tutto originali.
"Bloom" nasce in un contesto internazionale che vede il compositore sardo firmare un contratto di edizione con AEF (holding di RFI) dopo aver vinto il Concorso di Composizione indetto da Radio France Internationale.
Attualmente "Bloom" è in nomination a Parigi per i Qwartz music Awards, il prestigioso premio che ha coinvolto e coinvolge importanti nomi della musica internazionale come Björk, Alva Noto, Laurie Anderson, Matthew Herbert.
I brani sono tutti suonati, registrati, prodotti, mixati e masterizzati da Gianluca Porcu che cura anche l'aspetto grafico del progetto.
Questa la tracklist di "Bloom": "Angel", "Lake", "Break the night", "Bloom", "Guilty guitar", "Moon", "Autumn", "Daylight", "Drawing", "Tree", "Moon II".
"Bloom" sarà reperibile nei più importanti online store dal 5 aprile ma è già possibile ordinarlo sul sito dell'autore a un prezzo speciale.

Leggi qui la biografia


giovedì 7 marzo 2013

Gratia Dei, il nuovo brano di Giorgio Barbarotta.



GIORGIO BARBAROTTA
Presenta
GRATIA DEI

GUARDA QUI IL VIDEO


Gratia Dei è una preghiera, un'invocazione. In questi giorni di grandi e repentini cambiamenti, oltre all'impegno, al buon senso e alla buona volontà di tutti, serve anche uno slancio, un'ispirazione, una scintilla, un aiuto dall'alto. La canzone, senza alimentare inutili polemiche, vuole anche essere un invito, un augurio e un auspicio a che il clero tutto, e i vertici della Chiesa in particolare, si rinnovino realmente e facciano un esame di coscienza per tornare ad essere più vicini alla gente comune e ai problemi del quotidiano, in linea con la realtà dell'uomo di oggi.

LEGGI IL TESTO DEL BRANO

BIOGRAFIA
Eclettico cantautore e scrittore trevigiano ha pubblicato negli ultimi otto anni 4 album di canzoni inedite e 2 libri di poesie e racconti. Ha all’attivo più di 500 concerti con tour anche in Cina, nei Balcani, in Austria. Ha ricevuto diversi riconoscimenti tra cui il Premio della critica Amnesty International 2010 Voci Per La lIbertà a Villadose Rovigo, il Premio Alessandro Antonelli come Miglior Artista al MusicalBox Festival di Urbino nel 2006, il Primo Premio Espressione Giovani ad Arzignano Vicenza nel 2012, il Premio Miglior Musica al Festival della Canzone D'Autore di Due Carrare Padova nel 2007, il Germano D'Argento ad Arco Trento nel 2004. Viene accompagnato dalla sua band: Nicola “Accio” Ghedin batteria, Stefano Andreatta basso e flauto traverso, Giulio Moro chitarra e effetti. Ha un sito che parla di lui: www.giorgiobarbarotta.it ed è attualmente in cerca di un'agenzia di booking.

mercoledì 6 marzo 2013

Our secret code, il nuovo album dei Droning Maud



DRONING MAUD
Presenta
OUR SECRET CODE
Etichetta; Seahorse Recordings
Distribuzione: Audioglobe/Ioda

Genere: Indietronica_Shoegaze

Ascolta qui il disco


Prendete un mattino, targato 2006, in cui quattro ragazzi provenienti dalla Valle del Salto decidono di alimentare il loro amore per la musica con un progetto di devozione. Aggiungete storie, incontri, Corto Maltese, la voglia di uscire dal nido …di sorprendersi. S’inizia con un demo CD, esperienze sui palchi - Labaro Rock Festival, Roadie Rock Festival, Primo Maggio Tutto L’Anno… - fino a giungere all'esordio ufficiale con “The world of make believe”, sette brani che li portano al livello successivo di consapevolezza, recensioni positive e concerti rilevanti, come quelli in apertura a Marta sui Tubi e Bud Spencer Blues Explosion…
I Droning Maud, con la produzione di Amaury Cambuzat (Ulan Bator, Faust, Chaos Physique)
registrano il loro primo full-lenght. L’album è il frutto di una crescita inevitabile dopo i buoni risultati dell'EP …cambi di formazione …messa a punto del suono, complessivamente liberato dal dominio chitarristico e coadiuvati da una componente elettronica equilibrata …Maurizio, voce e chitarra; Jeippi, keyboard e voce; Andrea, chitarra; Iacoposchi, batteria.
I dieci brani che vanno a comporre “Our Secret Code” sono figli di una ricerca musicale più attenta rispetto al precedente album. Ascoltandoli si può intuire un gusto più maturo e una ricerca sonora più intraprendente. Ogni canzone ha un suono ben distinto rispetto alle altre, senza che venga meno l'anima comune che è il motore creativo. I Droning Maud in questo lavoro hanno intrapreso un cammino privo di limiti stilistici, il più possibile variegato e privo di un suono comune per ogni brano, elemento evidente nel precedente “The World of Make Believe”.
Le atmosfere sono sicuramente più frastagliate e i colori utilizzati riescono a mostrare ancor più
sfumature. È un album invernale, che documenta la spiccata tendenza dei Droning Maud a essere
sommessi ed emozionali, figli di una terra fredda e nello stesso tempo accogliente, che suggerisce
una musica evocativa (caratteristica che li avvicina a numerose band anglosassoni e nordeuropee).
Molti i passaggi strumentali, privi però della “lentezza” caratteristica del post-rock, stereotipo sin
troppo diffuso …basta ascoltare il primo video che accompagna un brano tratto dall'album:
“Nimbus”, visibile su YouTube, ha addirittura un sapore brasileiro…